Security

IObit Malware Fighter Free

Scritto da Super User. Postato in Antispyware

 

IObit Malware Fighter Free è un programma di utilità pratica che combatte malware, trojan, spyware e altri programmi simili. Come svela il nome, tale software è distribuito gratuitamente.

Navigando il web può capitare di imbattersi in particolari programmi in grado di infettare il nostro PC: virus, trojan, malware, adware sono solo alcuni dei più celebri tipi di “malicious software”.

Come proteggersi da tali componenti? Oltre ad un buon antivirus è necessario dotarsi di software appositamente sviluppati per scovare ed eliminare tali programmi dal nostro computer. L’antimalware che analizziamo oggi, è sviluppato da IObit, già celebre per altri software come Advanced SystemCare.

Fonte HTML.IT   Download gratis

 

Windows XP: update anti-malware e attivazione dopo aprile

Scritto da Super User. Postato in Antispyware

 

Windows XP Windows XP non vedrà più il rilascio di alcuna patch di sicurezza a partire da aprile ma Microsoft aggiornerà fino a luglio 2015 l’anti malware Malicious Software Removal Tool. Lo si apprende da Computer World, sebbene il gigante statunitense non abbia ancora fornito alcuna conferma a riguardo. L’attivazione del vecchio sistema operativo sarà comunque necessaria anche dopo il mese di aprile.

 

Si apprende che la casa di Redmond potrebbe dunque continuare a fornire update per lo strumento di rimozione malware MSRT per Windows XP ancora per un altro anno, esattamente fino al 14 luglio 2015, quindici mesi dopo la fine del supporto ufficiale alla vecchia piattaforma. Sebbene Microsoft infatti abbia invitato più volte ad aggiornare a Windows 8 oppure a un sistema operativo più recente, la diffusione di Windows XP è ancora ampia – soprattutto tra le aziende – ed è per tale motivo che il gigante starebbe optando su tale mossa.

In questo modo, infatti, Microsoft potrebbe evitare una facile e ampia diffusione dei malware sui computer con cuore Windows XP anche dopo la fine del ciclo vitale. A ogni modo si apprende che, nonostante la fine del supporto ufficiale alla piattaforma, chi vorrà installare Windows XP su un computer dovrà obbligatoriamente eseguire la procedura di attivazione.

Chi pertanto sperava di evitare tale passaggio rimarrà deluso ma si tratta di un passo necessario a proteggere l’OS e soprattutto il computer usato. Un portavoce di Redmond ha infine confermato che la modalità XP in Windows 7 non verrà disattivata, quindi anche su questo sistema operativo sarà possibile continuare a eseguire i software progettati sul vecchissimo Windows.

Recupero dati

Scritto da Super User. Postato in Privacy e Sicurezza

 

Sicurezza dei dati e riservatezza

Kroll Ontrack ha promosso uno studio a campione su manager, responsabili e professionisti IT di circa 250 aziende italiane attive nel settore privato e pubblico per sottolineare alcuni falsi miti relativi al recupero dati e alla riservatezza in ambito aziendale.

 

La ricerca indica che l’84,49% delle imprese non include nel proprio piano business un servizio di recupero dati, ritenendo a torto o a ragione di avere già all’interno del suo personale le risorse per poter fronte a un’eventuale situazione di emergenza nella gestione e nello smarrimento delle informazioni utili al proprio business.

La questione della perdita di dati e del loro recupero, sostiene Kroll Ontrack, non è però secondaria all’interno dei servizi offerti ai clienti. Generalmente si tende a pensare che i dati persi sono recuperabili solamente in caso di un guasto all’hard disk, tendendo a trascurare come il recupero possa avvenire invece in caso di errori logici su database, su sistemi virtuali complessi o tra dati crittografati.

Per quanto riguarda le responsabilità derivanti da un uso improprio delle reti Wi-Fi aperte viene sottolineato come, diversamente da quanto comunemente si dice, nel caso ci si dimentichi di configurare una rete Wi-Fi con password sicure, rendendo quindi l’accesso aperto a chiunque, eventuali violazioni commesse da chi vi si connette non implicano la responsabilità di chi ha configurato la rete. A stabilirlo sono alcune direttive europee, tra cui la direttiva 2000/31/EC, la 2001/29/EC e la 2004/48/EC.

In mezzo a tali questioni c’è infine la necessità di proteggere i dati degli utenti relativi ai conti correnti bancari, come stabilito dall’Autorità Garante per la privacy riguardo le transazioni online e la conservazioni delle informazioni sensibili. In questo caso gli istituti di credito sono obbligati ad adottare meccanismi di cifratura duranti tutti i passaggi interni, oltre che limitare l’accesso ai file ad un numero che sia il più ristretto possibile di dipendenti e aggiornare costantemente i sistemi operativi e i software per la protezione.

Windows 10 Creators Update

Scritto da Super User. Postato in Sistemi Operativi

Risultati immagini per immagini di windows 10

 

 

Il prossimo importante aggiornamento per il sistema operativo Microsoft introdurrà molte novità, alcune delle quali riguarderanno Cortana, L’assistente personale, disponibile anche su Android e iOS (con qualche limitazione), riceverà nuove funzionalità relative proprio alla sua natura cross-platform. Windows 10 Creators Update, nome in codice Redstone 2, arriverà nella primavera 2017, ma gli utenti iscritti al programma Insider possono già testare la versione preliminare.

 

La prima novità si chiama Universal Cilpboard. La funzionalità, simile a quella introdotta in macOS 10.12 Sierra, permetterà di sincronizzare gli appunti tra più dispositivi. Gli utenti potranno selezionare il dispositivo destinatario, visualizzare l’anteprima dei contenuti della clipboard e ricevere una notifica sull’operazione in corso. Microsoft offrirà una semplice interfaccia per l’interazione tramite mouse e tastiera, ma la funzionalità potrà essere sfruttata al meglio attraverso i comandi vocali di Cortana.

La seconda novità riguarda la sincronizzazione delle notifiche. La funzionalità Notification Sync diventerà bidirezionale. La sincronizzazione avverrà quindi non solo dal dispositivo mobile al PC (come è possibile oggi), ma anche dal PC al dispositivo mobile. Prima di utilizzare la feature sarà necessario registrare il device come “trusted” nelle impostazioni di Cortana.

L’ultima novità, denominata Unlock your PC, consentirà di sbloccare il computer con un dispositivo mobile. Anche questa funzionalità è “copiata” da macOS 10.12 Sierra (Auto Unlock permette di sbloccare il Mac con l’Apple Watch). L’implementazione di Microsoft dovrebbe però essere cross-platform.

058500
Today
This Week
This Month
Last Month
All days
19
35
271
415
58500
Your IP: 35.173.57.84